Normative e leggi

Attenti alle normative vigenti e alle norme di sicurezza, curiamo i nostri prodotti sotto ogni punto di vista.

Strutture temporanee e itineranti secondo la norma EN 13782:2015

Per garantire sempre la sicurezza le nostre tendocoperture sono verificate nei loro elementi strutturali nel rispetto della norma EN 13782:2015. Tale norma è di riferimento per le strutture rimovibili con utilizzo temporaneo itinerante.

 

Vento

Nel rispetto di tale norma le strutture con altezza inferiore ad 5 mt, sono calcolate per resistere ad una spinta del vento di 50 daN/mq e per altezze superiore ai 5 mt la spinta del vento raggiunge i 60 daN/mq. Visto il tipo di utilizzo (temporaneo o itinerante), tale spinta è valida per quei capannoni montati in tutti quei luoghi in cui la velocità di riferimento al suolo è inferiore ai 28 m/s, quindi valida per installazioni in: Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia (con eccezione della provincia di Trieste) ad altezze inferiori ai 1300 mt s.l.m.; Emilia Romagna ad altezze inferiori ai 950 mt s.l.m.; Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna orientale ad altezze inferiori ai 500 m s.l.m. Per installazioni insite ad altezze superiori a quelle indicate in precedenza o nelle regioni Liguria, Sardegna occidentale, nelle isole minori o nella provincia di Trieste, il cliente dovrà mettersi in contatto con il nostro ufficio tecnico per valutare caso per caso gli eventuali adeguamenti delle strutture. Per strutture con larghezza inferiore a 10 mt ed altezza inferiore ai 5 mt, sono calcolate per 30 daN/mq.

 

Neve

Per le sollecitazioni dovute alla neve, la norma non prevede che la struttura debba resistere a tale tipo di carico. Nel caso di montaggio in periodo invernale o in ogni caso qualora si preveda un fenomeno meteorologico di tipo nevoso, occorre installare un sistema di smaltimento meccanico della neve o eventualmente prevedere il riscaldamento della copertura in modo da realizzare una temperatura al suo interno capace di provocare lo scioglimento della neve che eventualmente si deposita sulla copertura.